top of page

Cos'è lo Yoga? Quando è nato? A cosa serve?

Quando ci si approccia al mondo dello yoga vengono in mente tantissime domande, alle quali spesso non riusciamo a dare una risposta. In questo post cercheremo di rispondere alle domande più frequenti che riguardano lo Yoga


Posa di yoga
Yoga poses


1. COSA SIGNIFICA YOGA? COS'E' LO YOGA?


Yoga è una parola che arriva dal sanscrito (radice YUG) e significa unione. Inizialmente era usata per definire un attrezzo che serviva per unirei buoi, successivamente viene riadattata per l'utilizzo che conosciamo noi oggi, ovvero unire le anime, unire le persone, unire la mente e lo spirito. L'unione della mente con lo spirito rimanda alla meditazione profonda, alla contemplazione e al raccoglimento personale.


2. QUANDO E' NATO LO YOGA?


La pratica e la filosofia dello yoga non hanno una datazione specifica. Abbiamo dei riscontri nei quali vediamo usare la parola yoga nell'epoca vedica, ovvero a partire dal 1.500 a.C., che la connotava come il controllo della mente e dei sensi.


3. A COSA SERVE LO YOGA?


Lo yoga è una filosofia di pensiero e di vita, che ci permette di migliorare noi stessi attraverso la consapevolezza. Yoga non è solo Asana (le posture), ma è una concezione, un pensiero che ci accompagna giornalmente. Patanjali, negli Yoga Sutra, descrive lo Yoga come un viaggio composto da otto passi (Ashtanga), che comprendono anche la parte fisica, ma dove quest'ultima ha un ruolo esattamente come tutti gli altri.


I passi da fare, sono:

  • Yama: le astinenze

  • Niyama: le osservanze morali

  • Asana: le posture

  • Pranayama: il controllo della respirazione

  • Pratyahara: la ritrazione dei sensi

  • Dharana: la concentrazione

  • Dhyana: la meditazione

  • Samadhi: l'estasi finale


4. PERCHE' LO YOGA FA BENE? QUALI BENEFICI HA?


Praticare yoga fa bene al corpo e allo spirito. Qualsiasi sia il passo che decidiamo di affrontare, in un aspetto della nostra vita sicuramente apporterà dei benefici. Guardiamo quello che, di solito, viene scelto, ovvero le asana, la parte fisica. Possiamo anche non fare meditazione e non praticare Yama e Niyama, ma il nostro fisico diventerà più tonico, inizieremo a respirare meglio e, di conseguenza, a mangiare meglio. Quello che provano la maggior parte delle persone è lucidità mentale e maggior consapevolezza delle proprie azioni e del proprio corpo.

Se poi decidessimo di addentrarci ancora di più, per esempio con la meditazione, scopriremo in che modo iniziare a comunicare veramente con il nostro io e gestire problemi e ansie in un modo più sereno e consapevole.


5. LO YOGA E' ADATTO A TUTTI?


Purtroppo la risposta è no. So che molti dicono che "tutti possono fare yoga", ma che sia la parte delle Asana o la parte più meditativa, c'è un tempo per ognuno di noi nel quale bisogna approcciarsi allo yoga.

Se decidessimo di iniziare a praticare yoga fisico, dovremmo, per esempio, capire quale stile sia più adatto a noi. Se soffriamo di dolori articolari, non possiamo andare a praticare Ashtanga, ma dovremo scegliere uno stile tipo Yin.


Diciamo che la risposta corretta a questa domanda potrebbe essere: "c'è uno yoga adatto ad ognuno di noi, ma non tutti gli stili sono adatti a tutti".



Se vuoi saperne di più sullo yoga, segui i nostri corsi, oppure iscriviti ai nostri webinar


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page